Psicologa, Prof.ssa di Filosofia e Scienze Umane | Salerno (SA)

Concetto di trauma e di nevrosi

  • Home
  • Articoli
  • Concetto di trauma e di nevrosi

Concetto di trauma e di nevrosi

L'uomo, così come è oggi, è l'esito di tutta la filogenesi dell'umanità, e questa evoluzione si è realizzata attraverso una serie di passaggi: per esempio c'è stato il passaggio dalla posizione a quattro zampe, lo sviluppo della corteccia per cui alcuni istinti hanno ceduto il passo alla ragione etc...

Concetto di trauma e di nevrosi

Per ogni passaggio c'è stata una rinuncia ad un istinto: per esempio nel passaggio alla stazione eretta si è ridotta gran parte della capacità olfattiva... L'evoluzione dell'uomo è andata a scapito del soddisfacimento degli istinti e il prezzo pagato per queste rinunce rappresentano i primi abbozzi di nevrosi.

La nevrosi, quindi, è una malattia che nasce da uno stato conflittuale tra l'Es e l'Io.

L'Es è l'istanza istintuale della psiche umana mentre l'Io appartiene al processo di civilizzazione durante il quale esso opera continue restrizioni nei confronti dell'Es che continua però a pretendere delle sue soddisfazioni: da qui nasce il conflitto. Il conflitto a sua volta viene generato da una situazione traumatica che assume il carattere della sessualità in quanto l' individuo è per sua natura istintuale e si verifica nell'età infantile fino alla pubertà.

Perchè parliamo di "evento traumatico" e quando risulta particolarmente significativo? Nel caso di abusi subiti oppure anche con la semplice osservazione di scene sessuali, il bambino vive una situazione angosciante; in quel momento interviene l' Io che rimuove l'emozione procurata dall' evento e la sottrae alla coscienza.

Questo evento però non può definirsi ancora traumatico sino al momento in cui bambino non diventerà pubere cioè quando comincerà ad avere un'informazione della sessualità anche se sommaria ed imperfetta. Con l'avvento della pubertà l'evento significativo si trasforma in una trauma ma questo non ha ancora la capacità di disturbare il comportamento.

Quando le grandi forze interne psichiche non sono più capaci di controllare l'omeostasi, l'evento traumatico si trasforma in un disturbo del comportamento chiamato nevrosi.

Le grandi forze psichiche interne possono vacillare di fronte ad eventi traumatici attuali come la perdita del lavoro o una delusione sentimentale e generare la nevrosi. Tali eventi non costituiscono il nucleo della nevrosi ma rappresentano eventi traumatici che si aggregano intorno all'episodio principale avvenuto nell'infanzia.

Tale episodio può essere ricordato o meno dal paziente. Ciò che bisogna recuperare attraverso l'indagine psicoanalitica è l'emozione connessa ad esso.

Il momento finale di questo processo è costituito dall'abreazione, momento di vera e propria liberazione dallo stato nevrotico: la guarigione del paziente.

Dott.ssa Antonella Buonerba
Psicologa, Prof.ssa di Filosofia e Scienze Umane - Salerno (SA)


Dott.ssa Antonella Buonerba Psicologa, Prof.ssa di Filosofia e Scienze Umane
Salerno (SA)

declino responsabilità | privacy e cookies | codice deontologico

Iscritta all’Ordine degli psicologi della Campania n. 2635/A dal 25 maggio 2006
Laurea in Psicologia (indirizzo Psicologia clinica e di comunità)

 

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2016 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dott.ssa Antonella Buonerba
© 2016. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.

www.psicologi-italia.it